Si interrompe la collaborazione tra Disney e Sony e Spider-Man abbandona il Marvel Cinematic Universe!

Spider-Man lascia il Marvel Cinematic Universe. Il mancato accordo tra Marvel e Sony, annunciato da Deadline, implica il ritorno del personaggio nelle sole mani di Sony, che aveva prodotto tutti i cinecomic dell’Arrampicamuri fino al 2014. Marvel e Sony si erano accordate nel 2015 per consentire l’inserimento dell’Uomo Ragno all’interno del Marvel Cinematic Universe: in cambio i Marvel Studios si erano impegnati a produrre i film di Spider-Man, dividendosi gli incassi con la Sony. Secondo alcune indiscrezioni l’accordo prevedeva che i Marvel Studios incassassero il 5% degli incassi di questi cinecomic raggiunti nel primo giorno di programmazione e i diritti esclusivi su tutto il merchandise. Da questa collaborazione erano scaturiti tre lungometraggi dei Marvel Studios con la partecipazione di Spidey (Captain America: Civil War, Avengers: Infinity War ed Avengers: Endgame) e due Spider-movie: Homecoming (2017) ed il recentissimo Far from Home.

Attualmente non si sa ancora molto sui reali motivi che hanno causato il mancato rinnovo dell’accordo, grazie (anche) al quale Endgame è riuscito a guadagnarsi il titolo di film di maggior incasso della storia del cinema e Far From Home ha da poco superato il record di Skyfall diventando il film Sony più redditizio di sempre al botteghino. Pare che all’origine dell’interruzione della collaborazione ci sia stata la proposta da parte dei Marvel Studios, dal 2015 interamente controllati dalla Disney, di una divisione più equa degli incassi e di un minore coinvolgimento di Kevin Feige nella produzione dei cinecomic Sony dedicati all’Uomo Ragno, mantenendo comunque il controllo totale sul merchandise. Sony avrebbe rifiutato la proposta e questo avrebbe portato a far saltare la trattativa. Può anche essere che con la recente acquisizione di Fox della Disney (che implica il futuro ingresso degli X-Men e dei Fantastici 4 nell’Universo Marvel), Feige e compagnia abbiano pensato che per il momento possono pure rinunciare al Tessiragnatele. Quel che è certo è che per ora non vedremo nuovamente Spider-Man in altre pellicole dei Marvel Studios. Tom Holland e Jon Watts, regista degli ultimi due lungometraggi di Spidey, hanno un contratto valido per altri due film, ma per il momento sembra che i prossimi capitoli con Holland correranno su un binario diverso rispetto ai cinecomic prodotti da Feige.

Non si sa se questa inaspettata rottura metterà definitivamente la parola fine alla collaborazione tra i due studi cinematografici. Quel che è certo è che diversi progetti sui quali si vociferava in questi mesi potrebbero non vedere mai la luce, e che sia Disney che Sony potrebbero pentirsi in tempi brevi di non aver trovato un compromesso dal quale avrebbero potuto continuare a beneficiare entrambe.

Questa potrebbe essere la tipica reazione di un fan della Marvel dopo aver letto che “l’amichevole Spider-Man di quartiere” non farà più parte del MCU…

Spider-Man: Far From Home – Analisi Trailer

Il nuovo trailer di Spider-Man: Far From Home è stato rilasciato da poche ore ed è pieno di molti dettagli!

—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—
—ATTENZIONE SPOILER!—

Timeline

Abbiamo la conferma che il film sarà ambientato dopo il termine degli eventi di Avengers: Endgame.

QUI e QUI le nostre recensioni.

Mysterio

Scopriamo che il Mysterio di Far From Home proviene da un universo alternativo e sembra essere una versione buona del nemico classico del nostro amichevole arrampicamuri.

Dal trailer si evince che con lo schiocco di dita, Thanos ha creato una frattura nel tessuto del Multiverso.

Ebbene sì signore e signori, con Spider-Man: Far From Home viene introdotto il concetto di multiverso, e io spero vivamente che, vista la recente acquisizione della Fox da parte di Disney, il tutto si concluda con questo:

Le SECRET WARS! Per chi non sapesse cosa sono o abbia la memoria un po’ corta vada pure a leggere qui.

Le cose rilevanti da analizzare non sono molte, quindi vi lasciamo al trailer!

Avengers: Endgame – Recensione II

“La fine è parte del viaggio”

Il momento tanto atteso è finalmente arrivato. Dal 24 aprile i fan di tutto il mondo possono vedere una saga epica giungere al termine dopo un decennio abbondante di avventure memorabili e storie strabilianti. Con Avengers: Endgame si chiude non soltanto l’arco narrativo dei Vendicatori, ma pure l’intera serie iniziata con Iron Man nel lontano 2008 e che con quest’ultimo capitolo è arrivata a contare ben ventidue titoli, di cui la maggior parte ha collezionato record di incassi un tempo inimmaginabili. Non siamo assolutamente di fronte alla fine del Marvel Cinematic Universe che, come molti già sapranno, ha un nuovo cinecomic ragnesco pronto per luglio e diverse produzioni in via di sviluppo. Quel che è certo però è che dopo questo quarto lungometraggio dedicato agli Avengers l’universo della Marvel cambierà per sempre: è l’ora di congedarsi da alcuni eroi e di riabbracciarne altri. La vicenda iniziata in Infinity War si chiude in un “finale di partita” che regala sorprese spiazzanti, citazioni da brividi e combattimenti mozzafiato. I fratelli Russo sono riusciti a mettere in scena una conclusione indimenticabile destinata ad entrare nel cuore di chi nel corso degli anni si è affezionato a Tony, Cap, Thor & co. Come tutti i passi di addio che si rispettano non mancano momenti in cui la lacrima può scendere facilmente, ma i due registi sono stati abilissimi nel dosare attentamente divertimento, emozioni e drammaticità.

Trama:

Nel Wakanda lo schiocco di dita di Thanos con il guanto contenente tutte le Gemme dell’Infinito ha portato al tragico esito temuto: metà della popolazione dell’intero universo è stata spazzata via e con essa sono diventati cenere nove eroi. A fare i conti con le conseguenze del folle gesto rimangono Steve Rogers, Tony Stark, Thor, Rocket, Natasha Romanoff, James Rhodes, Bruce Banner e Nebula; al team si aggiunge quasi subito anche la potentissima Captain Marvel, richiamata sulla Terra dalla richiesta di aiuto inviatale da Nick Fury un istante prima di trasformarsi pure lui in cenere. I Vendicatori superstiti non hanno nessuna intenzione di rassegnarsi e metteranno in atto un tentativo audace e disperato per riportare in vita i loro amici e con essi tutti gli esseri viventi cancellati dalla follia del titano.

Recensione:

Nel corso dei dodici mesi che hanno separato l’uscita di Infinity War da quella di Endgame sono state formulate talmente tante suggestioni ed ipotesi sull’attesissimo ultimo atto che potevano portare sia a farsi aspettative irrealistiche sia ad ipotizzare degli sviluppi maggiormente fondati. Fa piacere vedere che la piega che prendono gli eventi non segue alla lettera nessuna delle ricostruzioni più accreditate, sebbene qualche passaggio fosse stato in effetti previsto da diverse teorie. D’altronde, i trailer che sono stati rilasciati da dicembre in poi avevano lanciato diversi indizi, nessuno dei quali per fortuna troppo rivelatore. Se perciò il ritorno di Occhio di Falco e Ant-Man, il ruolo essenziale di Carol Danvers all’interno del team ed un nuovo scontro con Thanos sono tutti elementi prevedibili, ogni singolo avvenimento non riportato nelle-pochissime-immagini trapelate dal set e nel materiale promozionale è ampiamente sorprendente. Anthony e Joe Russo sono stati bravissimi nel mettere a punto un eccellente blockbuster che ricollega ogni capitolo precedente dei Marvel Studios ed offre a ciascun personaggio lo spazio che si merita. Verrebbe quindi spontaneo aspettarsi un viaggio cupo in cui le scene drammatiche si susseguono una dopo l’altra. Se in alcune partì è davvero così, e trattandosi di un episodio conclusivo non potrebbe essere altrimenti, va anche riconosciuto che sono presenti intermezzi comici e di gag, verbali e non, che contribuiscono a mantenere in perfetto equilibrio la tensione per l’intera durata.

Le tre ore complessive di lunghezza della pellicola sono cosparse di continue citazioni e riferimenti agli altri titoli dei Marvel Studios, in particolare quelli aventi per protagonisti le tre colonne portanti Captain America, Iron Man e Thor; va da se pertanto che solo chi ha una discreta conoscenza (e soprattutto una buona memoria) della produzione cinematografica della Marvel potrà cogliere ed apprezzare fino in fondo i numerosissimi omaggi disseminati nello svolgimento della trama. Senza voler svelare contenuti che potrebbero rovinare l’effetto sorpresa, si può anticipare che il fulcro della narrazione ruoterà attorno proprio al magico trio composto dal miliardario playboy filantropo, il super soldato d’America ed il figlio di Odino. I tre attori che per circa una decade li hanno interpretati qui danno il meglio di loro stessi, con una menzione speciale per il mitico Robert Downey Jr.

Volendo cogliere delle imperfezioni le si possono riscontrare in un’eccessiva presenza di sequenze create appositamente per accontentare i fan e che talvolta stridono con il contesto e paiono un po’ forzate. Il cosiddetto “fan service” qui non è esagerato, anche se forse avrebbe potuto essere leggermente ridotto. In secondo luogo il ritmo e la tensione non sono calibrati in maniera impeccabile come in Infinity War, tuttavia i 182 minuti totali scorrono comunque abbastanza velocemente.

Avengers: Endgame è dunque un kolossal destinato a frantumare record al botteghino e ad occupare un posto speciale nel cuore degli appassionati che hanno seguito l’universo Marvel sul grande schermo dagli esordi fino ad oggi. Magari non tutti quanti gradiranno le modalità scelte per concludere il percorso di qualche personaggio, ma in questi casi il rischio di scontentare qualcuno lo si corre sempre.

Davanti ad un film capace di racchiudere il meglio di quanto visto finora e di regalarci un finale sensazionale non si può che dire un enorme GRAZIE ai Marvel Studios, ai registi e agli ideatori di questa fantastica cavalcata cinematografica nel mondo dei supereroi più potenti della Terra. Ovviamente tra i ringraziamenti non può mancare quello a colui che ha creato dal nulla questo universo: l’immenso Stan Lee.

Avengers: Endgame – RECENSIONE

La fine è parte del viaggio.

Ci siamo. La fine di questo arco narrativo, lungo 11 anni e 22 film, è arrivata.

Nonostante Spider-Man: Far From Home, in uscita l’11 luglio nelle sale italiane, sia il film che effettivamente chiude la Fase Tre del Marvel Cinematic Universe possiamo considerare Endgame la conclusione di un ciclo quasi perfetto che indubbiamente ha stabilito nuovi livelli di narrativa nella storia del cinema.

RECENSIONE – Spoiler Free

Il film inizia subito dopo lo schiocco di dita di Thanos: metà degli esseri viventi dell’universo è stata cancellata dall’esistenza e vediamo gli eroi sopravvissuti che cercano di trovare un modo per salvare tutti quelli che sono stati cancellati dal Titano Folle.

Per non farvi spoiler non posso scendere di più nei dettagli, ma posso assicurarvi che gli sceneggiatori sono riusciti ad ordire una trama che, almeno per quello che riguarda il sottoscritto, è impossibile da indovinare, anche solo lontanamente.

Le scene viste nei trailer sono tutte presenti nel film, soprattutto nella prima ora.

Prima ora che serve a raccontarci cosa succede ai sopravvissuti alla Guerra dell’Infinito e che si svolge senza grandi scene d’azione ma con molti dialoghi e colpi di scena, un po’ lenta forse però già nella seconda ora il ritmo accelera: un crescendo fino ad arrivare all’ultima parte del film dove esplode l’azione con la A maiuscola!

Vi sono molte scene che celebrano i momenti topici dei precedenti film sugli eroi più grandi della Terra, in mezzo alle quali la tensione viene spezzata da gag ben piazzate e non troppo invadenti. Ovviamente qualcuno morirà e non è detto che sia chi pensate, io non me l’aspettavo, ma devo comunque dire che è stata una morte degna e gloriosa.

CONCLUSIONI

In questo film una cosa è certa: i fratelli Anthony e Joe Russo hanno voluto concludere un arco narrativo composto di ben 22 (leggasi VENTIDUE) film, Endgame compreso, mettendo un punto fermo nella storia decennale del Marvel Cinematic Universe.

Assisteremo al passaggio di un testimone che è un simbolo di speranza per tutta l’umanità, con la consapevolezza che la vita va avanti nonostante le perdite subite.

Grazie per averci fatto sognare in questo viaggio lungo undici anni.

P.S.: L’unico spoiler che vi facciamo è sulle Post Credit Scene: non ce ne sono, nemmeno una. Ma vale la pena veder scorrere i titoli di coda per vedere il tributo alla formazione originale degli Avengers e agli interpreti degli stessi.

Captain Marvel – Recensione

Più in alto. Più lontano. Più veloce”

Se si chiede ad un fan della Marvel, ma probabilmente anche ad un appassionato qualsiasi di cinema e fumetti, quale sia il film del 2019 che attende di più la risposta sarà inevitabilmente Avengers: Endgame. La data fissata sul calendario è quella del 23 aprile, quando si chiuderà definitivamente un ciclo cominciato oltre dieci anni fa e destinato a rimanere qualcosa di straordinariamente unico. Tuttavia, prima di immergerci nelle atmosfere desolanti e catastrofiche dell’epilogo della saga degli eroi più potenti della terra, i Marvel Studios hanno deciso di inserire nel già ricchissimo catalogo di supereroi una new-entry femminile e di presentarcela con uno stand-alone interamente dedicato a lei. Ecco quindi che un mese e mezzo prima del quarto Avengers approda sul grande schermo Captain Marvel, primo cinecomic della Casa delle Idee con protagonista assoluta una donna. Questo ventunesimo titolo ambientato nel Marvel Cinematic Universe ci porta indietro alla metà degli anni ’90 e ci mostra le origini di una superdonna dai poteri incredibili. Siamo di fronte ad un’altra scommessa vinta dalla Marvel, abilissima anche questa volta a mettere a punto un eccellente lungometraggio che intrattiene e diverte il pubblico dal primo all’ultimo minuto.

Trama

Nel 1995 Carol Danvers è una pilota di caccia che è stata accolta pochi anni prima ad Hala, capitale dell’impero della razza aliena Kree. Carol si è integrata in breve tempo all’interno di questa civiltà extraterrestre tanto da diventare una delle più valide combattenti della Starforce, il reparto di guerrieri intergalattici dei Kree guidati dal severo leader Yonn-Rogg, che le fa anche da mentore. La ragazza ha smarrito quasi ogni ricordo della sua esistenza sulla Terra prima di entrare a far parte dell’esercito alieno; possiede in compenso dei poteri straordinari che ancora non riesce a controllare del tutto. I Kree sono da tempo in guerra con gli Skrull, una razza di mutaforme alieni. Durante una missione per salvare un infiltrato, Carol viene rapita dagli Skrull e portata su una loro nave, dove il loro capo Talos riesce a penetrare nei suoi ricordi. Dopo uno scontro sulla nave precipita insieme ad altri Skrull sulla Terra. Qui Carol Danvers si metterà alla caccia dei nemici che si trovano insieme a lei nel suo pianeta d’origine. Un inaspettato aiuto le arriverà da Nick Fury, che a metà anni ’90 è ancora un semplice agente dello S.H.I.E.L.D in cerca di una causa per cui lottare. L’ex pilota, accompagnata da Fury e da un gatto apparentemente innocuo, inizierà un percorso che la porterà finalmente a scoprire il suo passato e a cercare di porre fine una volta per tutte al conflitto tra le due civiltà extraterrestri.

Recensione:

Con Captain Marvel si aggiunge un altro tassello all’Universo Cinematografico iniziato nel 2008 con il primo Iron Man. Si tratta però di un cinecomic diverso dai precedenti per due motivi essenziali: la protagonista e l’ambientazione. La Carol Danvers al centro della vicenda, pur non essendo tra gli eroi femminili di spicco degli albi a fumetti, riesce a fare breccia subito negli spettatori grazie alla sua sfrontata determinazione, al suo intrepido coraggio e ad una spigliatezza senza filtri. La scelta di affidare questo ruolo al premio Oscar Brie Larson, che lo ha accettato dopo aver esitato a lungo, è stata indubbiamente una felice intuizione: l’attrice, già abituata a recitare in pellicole d’azione, indossa la tuta di Captain Marvel con estrema disinvoltura e fa trasparire un totale coinvolgimento nell’interpretazione della fortissima guerriera. Il coprotagonista che la affianca, un Samuel L. Jackson ringiovanito in maniera impeccabile grazie agli effetti visivi, si ritaglia uno spazio considerevole nella seconda parte della storia, e per chi ha avuto modo di vedere il suo Nick Fury apparso in altri dieci lungometraggi targati Marvel si stupirà di trovarsi davanti ad un uomo assai diverso dallo scorbutico fondatore dei Vendicatori.

Ad impreziosire l’intero film contribuiscono altri attori di primissimo livello come Annette Bening, Ben Mendelsohn e un Jude Law efficace come al solito.

Il contesto in cui ha luogo questa prima avventura del Capitano Danvers è un elemento imprescindibile per l’ottima riuscita di questa ventunesima trasposizione dei Marvel Studios. Il 1995 viene ricreato in maniera veramente apprezzabile; non mancano molteplici citazioni alla cultura pop ed ai successi cinematografici dell’epoca (impossibile da non notare il rimando alla corsa degli sgusci che di sicuro non sfuggirà ai fan di Star Wars). L’arrivo di “Vers”-questo è il nome da battaglia di Brie Larson prima di diventare Captain Marvel- sul pianeta terrestre che avviene con quest’ultima che frantuma il tetto di un negozio della catena Blockbuster fa capire il coefficiente nostalgico presente nei 120 minuti di durata. Il prologo e l’epilogo del racconto si svolgono invece nello spazio, dove le sequenze e le scenografie ricordano palesemente quelle dei due capitoli di Guardiani della Galassia.

Bisogna dunque riconoscere che il debutto dell’affascinante Capitano spaziale funziona egregiamente. Il merito è anche della coppia di registi (coppia nel vero senso del termine, dato che i due sono marito e moglie) Anna Boden e Ryan Fleck, che riescono a dirigere una origin story evitando di appesantire la narrazione con l’ennesima rappresentazione del percorso dell’eroe che da persona normale diventa super. A voler trovare qualche difetto si potrebbe evidenziare uno scontro finale un po’ troppo confusionario e un umorismo in alcuni momenti un tantino esagerato. Si tratta in ogni caso di un ulteriore passo in avanti di Kevin Feige & co., che spianano la strada per altre produzioni incentrate su figure femminili e si avviano a chiudere la cosiddetta Fase Tre facendo esordire una bionda metà umana e metà aliena che-c’è da giurarci-avrà un ruolo chiave nella resa dei conti contro Thanos in Endgame.

P.S.: Da quando se n’è andato ogni cameo del buon vecchio Stan Lee va apprezzato il doppio ed è come se con questi avesse voluto lasciarci una serie di ultimi regali postumi che ci accompagneranno fino a Spider-Man – Far from home, in uscita a luglio. Quello presente qui è meno ironico del solito ma sicuramente più significativo.

Infine, una delle due immancabili scene post-credits ci offre un’interessante anteprima ambientato dopo i fatti di Infinity War...un motivo in più, se mai ce ne fosse bisogno, per non alzarsi dalla sala appena iniziano i titoli di coda!

Avengers: Infinity War – RECENSIONE

Ed infine ci siamo. Dopo dieci anni di dominio incontrastato, grazie ad un’incredibile capacità di rinnovarsi continuamente e di puntare sempre più in alto, il Marvel Cinematic Universe si appresta a chiudere un ciclo iniziato con Iron Man nel lontano 2008 portando sul grande schermo la “Guerra Infinita” tra tutti gli eroi finora comparsi ed il temibile Thanos. Si tratta della prima parte di una storia che vedrà il suo epilogo solo tra un anno, quando a maggio 2019 vedrà la luce il quarto capitolo dedicato ai Vendicatori che metterà la parola fine all’Universo Marvel per come lo conosciamo, e probabilmente getterà le basi per uno nuovo. Inifinity War è dunque un primo atto conclusivo destinato a lasciare un solco indelebile nelle vicende di tutti i personaggi coinvolti. Ciò che comunque conta di più è che il terzo lungometraggio dedicato ai difensori della Terra non delude le altissime aspettative, ed è esattamente come la maggior parte dei fan se lo aspettava: mozzafiato, sorprendente e ricco di colpi di scena.

La trama

Il potente Thanos è deciso a conquistare e sottomettere l’intero universo servendosi del potere delle sette Gemme dell’Infinito che, una volta riunite in un guanto in grado di imbrigliarne l’energia, rendono il suo possessore in grado di distruggere ogni pianeta con il minimo sforzo. Gli Avengers, ormai divisi da tempo e ognuno alle prese con i suoi problemi, si ritrovano ad affrontare questa improvvisa minaccia e cercano di impedire al titano di impossessarsi delle ultime Gemme, ma è una missione che potrebbe rivelarsi più complicata del previsto. Oltre alle new entry Black Panther e Doctor Strange si uniranno in questo disperato tentativo di salvare l’universo anche i Guardiani della Galassia, del cui gruppo fa parte Gamora, la figliastra dello stesso Thanos.

Recensione

La missione affidata ai fratelli Russo, che avevano raccolto il consenso unanime di pubblico e critica con i convincenti Captain America-The Winter Soldier (2014) e Captain America-Civil War (2016) era un azzardo senza precedenti. Riunire tutti i supereroi apparsi nei svariati cinecomic sfornati dalla Casa delle Idee in un unico, straordinario confronto con un nemico all’apparenza invincibile avrebbe fatto tremare chiunque. In realtà, considerato il buon esito della trasposizione della Guerra civile che aveva spaccato gli Avengers un paio di anni fa, la Marvel non avrebbe potuto compiere una scelta migliore, anche se questa volta il soggetto di partenza ha costretto il duo di registi a misurarsi con una sfida tutt’altro che semplice. Pur non rinunciando al loro inconfondibile tratto, caratterizzato da un approccio al mondo del fumetto attento a ritrarre i protagonisti con i loro dilemmi interiori e spesso alle prese con decisioni drastiche da prendere, i Russo provano a conciliare le diverse anime dei partecipanti a questa epica battaglia dando il giusto spazio pure ai comprimari ed inserendo dei momenti umoristici per stemperare la drammaticità di alcuni eventi. Stiamo parlando di oltre venti eroi che devono riuscire a coesistere in due ore abbondanti, vale a dire un mix letale che avrebbe potuto portare ad un’accozzaglia caotica e poco efficace. Al contrario, sotto l’attenta regia dei due fratelli che hanno decretato la fortuna della trilogia dedicata a Cap, quello che all’inizio poteva sembrare un potenziale pericolo si rivela un valore aggiunto della pellicola. Va da sé che certe componenti del team allargato troveranno un maggiore spazio rispetto ad altre-oltre ai membri “storici” e ai Guardiani il Doctor Strange di Benedict Cumberbatch si ritaglia uno spazio di assoluto rilievo-, ma non avrebbe potuto essere altrimenti.

Verrebbe quindi da supporre che il punto di forza di Infinity War risieda nell’equilibrio con cui l’azione viene distribuita tra gli eroici guerrieri, tuttavia non è propriamente così. Il vero pregio di quest’ultimo capitolo è il villain, un autentico catalizzatore in ogni singola sequenza. Tra le principali critiche che si potevano muovere ad alcune recenti produzioni dei Marvel Studios vi era talvolta il cattivo di turno, accusato di essere troppo approssimativo o privo di fascino. Con Thanos un simile rischio viene spazzato via, e lo si intuisce facilmente fin dalla sua apparizione nei minuti iniziali. Siamo di fronte ad un’entità malvagia con una complessità psicologica raramente vista in una storia tratta dai fumetti. Il titano, la cui presenza minacciosa aleggiava-seppure marginalmente-fin da Avengers (2012), si dimostra un avversario dalle molte sfaccettature, grazie alle quali più di uno spettatore non potrà evitare di esserne in qualche modo affascinato. Il merito va al talento di Josh Brolin che, pur pesantemente trasformato dagli effetti digitali, conferisce un carisma da brividi al suo personaggio.

Un ulteriore pregio del blockbuster diretto dai Russo Brothers è la notevole capacità di dare vita a 150 minuti di azione ininterrotta di ottima qualità. Le scene di azione si susseguono infatti con un ritmo che non lascia tregua dal primo all’ultimo minuto. Emerge inoltre la loro bravura di saper coordinare al meglio un cast stellare in forma smagliante. C’è il rischio che qualcuno possa vedere un personaggio al quale è affezionato messo in secondo piano rispetto ad altri, tuttavia l’enorme quantità di ruoli/attori imponeva di fare delle scelte del cui esito è però difficile lamentarsi.

Conclusioni

Aggiungere nuovi elementi relativi al film rischierebbe di rivelare (anche involontariamente o parzialmente) spoiler che ne rovinerebbero la visione al cinema. Tanto vale perciò limitarsi a dire che il finale farà sobbalzare dalla sedia più di qualcuno e aprirà numerosi interrogativi riguardanti il sequel che uscirà l’anno prossimo. Comunque sia, resta il fatto che Infinity War è la quintessenza delle produzioni Marvel, una sintesi perfetta di quanto realizzato finora e (la prima parte di) una conclusione monumentale di una saga straordinaria.

Justice League – Recensione

I tried” (“ci ho provato”) è la scritta che si nota ai piedi di un mendicante nella sequenza di apertura della tanto attesa risposta della DC ai record di incassi della Marvel realizzati con gli Avengers e i vari cinecomics collegati. Quella frase potrebbe essere perfetta per sintetizzare l’esito dell’ultima fatica di Zack Snyder, che cambia decisamente registro tentando di adeguare il suo stile ai canoni del Marvel Cinematic Universe senza riuscirvi del tutto. Ne esce fuori un film gradevole e a tratti genuinamente divertente, ma con una sensazione di incompiutezza e approssimazione che fa pensare che si avrebbe potuto fare di meglio.
Avanti, leggimi!

Marvel Legacy – #LunedìLegacy

Per questo #LunedìLegacy vi darò in omaggio una doppia dose di “legacy“! Infatti oggi parleremo dell’evento, della casa delle idee, più atteso dell’anno: il Marvel Legacy!

Attenzione: contiene spoiler sull’attuale Multiverso Marvel.

 

Che cos’è?

Il Marvel Legacy è un evento che coinvolgerà praticamente tutte le testate Marvel e servirà da ennesimo reboot del multiverso, per quel che ne sappiamo.
Uscirà negli Stati Uniti a partire da Novembre, ciò significa che in Italia dovrebbe arrivare più o meno verso Marzo 2018.
Avanti, leggimi!

Avengers Infinity War – Che fine faranno i Vendicatori?

Nonostante manchi ancora un anno all’arrivo di uno dei film più attesi di sempre, online non si parla d’altro, soprattutto da quando hanno iniziato a spargersi le voci sullo spettacolare trailer mostrato al Disney D23, che ha lasciato i presenti letteralmente a bocca aperta, una reazione senza precedenti. In questo articolo cercheremo di capire chi sopravvivrà allo scontro con Thanos sulla base di diversi fattori quali il materiale originale, dichiarazioni degli addetti ai lavori, dal trailer mostrato pochi giorni fa e persino dalle situazioni contrattuali di alcuni degli attori protagonisti. Avanti, leggimi!

Avengers Infinity War : La descrizione del Teaser!

Durante il Marvel panel del D23, evento che si svolge ogni due anni ad Anaheim in cui la Disney mostra tutti i suoi progetti futuri, per la prima volta viene mostrato un teaser trailer dell’attesissimo Avengers Infinity War ai presenti. Non sappiamo se questo trailer verrà diffuso online a breve, o più in generale se verrà mai diffuso, ma possiamo descrivervi in modo dettagliato il trailer che ha fatto letteralmente impazzire i presenti in sala.

SPOILER ALERT!!!! Non proseguite la lettura se non volete spoiler su Avengers Infinity War o gli altri imminenti film del Marvel Cinematic Universe Avanti, leggimi!