THE MANDALORIAN Stagione 2 – Recensione a metà del guado

Dove vado io, va lui.

Se bisognasse scegliere una serie che rappresenti al meglio l’ambizione e le potenzialità di Disney+, quella sarebbe senza ombra di dubbio The Mandalorian. È stata quest’ultima infatti che ha accompagnato a fine marzo il debutto nei paesi europei del nuovo servizio streaming disneyano, e fin dai due primi episodi (dal momento che, eccezion fatta per le prime due, la modalità di distribuzione prevedeva il rilascio di una sola puntata alla settimana), ha raccolto un enorme consenso di pubblico e critica. Qualcuno potrebbe pensare che essendo un prodotto a tema Star Wars il successo fosse pressoché scontato, ma, come dimostra l’ultima trilogia cinematografica, riuscire a raccontare una buona storia non deludendo le aspettative dei numerosissimi fan è un’impresa tutt’altro che semplice quando si tratta dell’universo ideato da George Lucas. Il Mandaloriano però può dire di aver vinto la sfida.

Dopo una prima stagione che ha fatto conoscere agli appassionati della “galassia lontana lontana” nuovi personaggi, nuovi pianeti ed una nuova intrigante vicenda dalle atmosfere western, la seconda stagione era dietro l’angolo ed era già in fase realizzativa mentre venivano trasmessi gli episodi della prima. Così, in un 2020 privato di una moltitudine di film che avrebbero dovuto uscire al cinema, e che ha inevitabilmente portato ad un maggiore peso specifico dei colossi dello streaming che avrà delle importanti conseguenze nel lungo periodo, la Disney si è imposta come uno dei fornitori di servizi più all’avanguardia. Attraverso Disney+ ha offerto, oltre ad un catalogo per forza di cose estremamente competitivo, dei contenuti originali ed esclusivi che l’hanno portata ad affrontare un’annata nella quale, pur dovendo far fronte a causa della pandemia a delle perdite di ricavi consistenti, ha finito per occupare ugualmente un posto predominante tra le piattaforme di film e serie tv. Mettere a disposizione dei suoi abbonati di tutto il mondo, a distanza di sei mesi esatti dal debutto dell’ultimo episodio della prima stagione, la seconda stagione della sua serie di punta è l’ennesima dimostrazione della capacità di non accontentarsi e di continuare ad incrementare il proprio dominio, nonostante una crisi globale che ha inferto un duro colpo a tutto il settore dell’intrattenimento.

Trama:

Nell’ottavo capitolo della stagione del debutto “Mando” era riuscito, in seguito ad una rocambolesca fuga, a fuggire dal pianeta Nevarro ed a sottrarre il Bambino (da tutti ribattezzato ormai “Baby Yoda”) dalle grinfie dell’Imperiale Moff Gideon, che voleva impossessarsene per dei piani ancora ignoti. Ora, per mettere il Bambino al sicuro una volta per tutte, Din Djarin – questo è il nome del cacciatore di taglie che si cela dietro l’elmo –, in accordo con l’Armatrice del suo ordine, decide di riportarlo da quelli della sua specie. Il Mandaloriano si imbarca quindi con il piccolo a bordo della Razor Crest per cercare di rintracciare i simili del suo protetto; per farlo si mette sulle tracce sia di altri mandaloriani come lui sia dei cavalieri Jedi, dei quali Baby Joda possiede i poteri. Tuttavia la loro ricerca si rivelerà fin dal principio ardua, e incontreranno presto nemici e alleati che si metteranno nel loro cammino. Nel frattempo Moff Gideon, sopravvissuto allo scontro con Mando e desideroso di tornare presto in possesso del piccolo, è quanto mai determinato a stanare lui e il suo protettore.

Recensione:

A differenza della prima stagione, stavolta i personaggi e la struttura degli episodi sono già noti al pubblico che è già al corrente della formula con la quale è stata pensata questa serie ideata da Jon Favreau, e di conseguenza dal primo minuto dell’episodio che apre la stagione sa benissimo cosa lo aspetta: singole puntate con una vicenda autoconclusiva mentre una trama orizzontale fa da raccordo. Nei primi quattro nuovi capitoli di questa seconda stagione entrano in scena diverse new entry, sia nello schieramento dei buoni che in quello dei cattivi, ma tutte perlopiù con uno spazio limitato ad un solo episodio. Mediamente la durata di ciascuno è leggermente superiore ai primi otto, ma ciò non influisce sull’efficacia delle quattro mini storie, anzi: l’azione, la tensione e il divertimento sono sempre equilibrati con attenzione. L’alternarsi di vari registi dietro la macchina da presa, tra i quali oltre lo stesso Favreau spiccano i nomi di Peyton Reed (i due Ant-Man) e Bryce Dallas Howard (la protagonista femminile dei due Jurassic World), non si nota più di tanto. È comunque evidente, fin dalle sequenze iniziali, che il tasso di spettacolarità si è alzato: ogni avventura presenta ambientazioni mai viste prima, creature sorprendenti e scenari suggestivi, il tutto accompagnato da degli effetti speciali visivamente notevoli. Parallelamente a ciò, anche le citazioni ed i riferimenti al cosiddetto “Star Wars Universe” abbondano alla grande nei 30-40 minuti in cui è compresso ciascun capitolo, sebbene coglierli tutti sia materia nella quale sono in grado di addentrarsi solamente i super esperti del franchise.

Dove per il momento difetta questa prima metà di stagione è nella scarsa progressione della trama principale, che di fatto, arrivati al giro di boa, è avanzata di pochissimo. Per quanto le quattro mini avventure del guerriero e di Baby Joda non manchino di pathos e di ritmo, il loro viaggio, e insieme il rapporto tra i due, non subisce dei cambiamenti significativi. Dispiace inoltre che il villain Moff Gideon, interpretato alla perfezione da Giancarlo Esposito, per ora abbia avuto uno spazio assai ridotto.
Si ha insomma la sensazione che il meglio debba ancora venire: non mancheranno quasi sicuramente dei colpi di scena o delle svolte che arricchiranno la trama, e per l’entrata in scena di due iconici personaggi annunciati nel corso delle riprese ogni prossimo capitolo potrebbe essere quello buono.
Non resta quindi che attendere la restante metà degli episodi per vedere dove porterà la “via” che Mando ha imboccato nel momento in cui ha deciso di prendersi cura del piccoletto che era incaricato di catturare. Per adesso il giudizio complessivo su questo secondo atto mandaloriano è indubbiamente positivo.