Netflix cancella The Punisher e Jessica Jones

La voce circolava già da alcune settimane, ma adesso la notizia è ufficiale: Netflix ha deciso di cancellare sia The Punisher che Jessica Jones. Dopo la cancellazione, nell’ordine, di Iron Fist, Luke Cage e Daredevil, ora dunque tocca anche alle ultime due serie Marvel superstiti nella piattaforma streaming. L’ufficialità è arrivata direttamente da Netflix che ha rilasciato a Deadline un comunicato nel quale annuncia la decisione di non rinnovare The Punisher per una terza stagione e che la prossima stagione di Jessica Jones – la terza – che uscirà nei prossimi mesi sarà l’ultima. Con l’occasione sono stati ringraziati gli attori che hanno interpretato i due personaggi, gli sceneggiatori e tutto il cast e la crew che hanno preso parte alle due serie.
Cala così il sipario sulla collaborazione tra Netflix e Marvel. La piattaforma di streaming della Disney che debutterà entro quest’anno sarà il nuovo contenitore delle serie targate Marvel, ma al momento è difficile immaginare che le serie dei quattro Defenders e di Punisher possano proseguire all’interno di Disney+. Una piccola speranza l’ha accesa Hulu, servizio alternativo a Netflix negli USA, che si è reso disponibile a far continuare le serie dei supereroi recentemente interrotte. Nei prossimi mesi ne sapremo sicuramente di più.

PS: Poche ore fa Jon Bernthal, l’interprete di Frank Castle, si è congedato dal suo personaggio ringraziando tutti i fan con questo post:

A tutti quelli che hanno servito. A tutti quelli che conoscono la perdita. A tutti quelli che amano e capiscono Frank e il suo dolore. È stato un onore vestire i suoi panni. Sono infinitamente grato ai fan del fumetto e agli uomini e donne dei Servizi Armati e alla comunità delle forze dell’ordine per i quali Frank significa davvero tanto. Grazie all’USMC e a tutti i meravigliosi soldati che mi hanno allenato. Dateci dentro. Statemi bene.

Ma il ringraziamento più grande va a lui, che ha saputo regalarci una versione del Punitore praticamente perfetta.

Luke Cage Stagione 2 – Recensione

In quasi perfetta contemporaneità con l’arrivo dell’estate, Netflix ha deciso di mettere a disposizione dei suoi abbonati i nuovi episodi di una delle serie frutto della collaborazione con Marvel Television: dal 23 giugno è infatti possibile vedere sulla piattaforma digitale più famosa del mondo la seconda stagione di Luke Cage, l’impavido protettore di Harlem dotato di pelle indistruttibile e forza straordinaria. Le nuove puntate mantengono intatte le caratteristiche della prima stagione e aggiungono ulteriori elementi di interesse che fanno prendere alla serie una piega più introspettiva e non votata esclusivamente all’azione. Se però da un lato si notano dei miglioramenti in positivo, dall’altro non si può fare a meno di evidenziare anche il ripetersi degli stessi difetti che si erano manifestati già al suo esordio e che sono comuni ad altri prodotti Netflix realizzati dalla Marvel. Rimane una serie che tanti appassionati di cinefumetti gradiranno, ma sarà impossibile non accorgersi che la presenza di alcuni punti deboli rende la visione non sempre piacevole.

La trama

Dopo aver protetto la sua amata Harlem dal gangster Cottonmouth e dal fratellastro Diamondback, le cose sembrano andare decisamente bene per Luke Cage. Ha risolto i suoi problemi con la giustizia, è andato a vivere con Claire Temple e nel quartiere afro-americano di New York tutti lo adorano: è stata creata perfino un’app per cellulare per tracciarne ovunque la posizione e la sua popolarità è alle stelle. Ma quando sembra che nulla possa turbare la ritrovata serenità dell’eroe delle nuove minacce si profilano all’orizzonte. L’ex senatrice Mariah Dillard non ha messo da parte le sue mire su Harlem ed è determinata come non mai a fare piazza pulita intorno a lei. Il suo principale ostacolo si rivelerà essere Bushmaster, un giamaicano desideroso di vendicarsi di Mariah per un vecchio torto e di diventare il nuovo signore del crimine al suo posto. A rendere particolarmente pericoloso Bushmaster è il nightshade, una potente sostanza derivata da una radice che potenzia il suo corpo rendendolo molto simile a quello di Cage. Luke dovrà proteggere il suo quartiere dalla lotta sanguinosa che si scatena tra i due criminali e si darà da fare per neutralizzare entrambe le minacce. Stavolta però dovrà pure reggere il peso della sua fama tra gli abitanti del quartiere, che spesso mal si concilia con la sua indole o le sue intenzioni. Si ritroverà a compiere scelte non semplici che lo costringeranno a fare i conti con chi è davvero e con quello che vuole diventare. Luke Cage è disposto a tutto per mantenere al sicuro la sua gente da chi vuole regnare sul suo territorio, ma Harlem può restare senza un re?

Recensione

Il secondo atto delle avventure dedicate a Power Man-questo è il nome da supereroe che ha nei fumetti-si distingue dai primi episodi a lui dedicati per un apprezzabile approfondimento psicologico dei personaggi principali e per l’efficacia con cui vengono illustrati i problemi quotidiani che deve fronteggiare Luke per essere un paladino costantemente sotto i riflettori. Lontano anni luce dallo stile Avengers, qui si può vedere come la troppa celebrità possa arrivare ad intaccare l’equilibrio psicologico di Cage o come un video girato con un cellulare possa farlo apparire improvvisamente vulnerabile. A far emergere ulteriormente i dilemmi interiori del protagonista ci penserà l’arrivo di suo padre. Il rapporto tra i due Lucas è uno degli spunti più degni di nota della serie, e buona parte del merito va a Reg E. Cathey, lo sfortunato interprete del padre di Luke (nonché volto noto per i fan di House of Cards) morto al termine delle riprese. I due villain tutto sommato funzionano in maniera efficace e contrapposta: se Bushmaster metterà alla prova fisicamente l’eroe, Mariah lo terrà impegnato con stratagemmi e trappole subdole.

Corollario indispensabile per accompagnare gli eventi che si susseguono è la colonna sonora, che alterna tracce hip-hop, rap e perfino jazz. Al termine di parecchie puntate sono anche presenti sequenze musicali live in cui si esibiscono i veri artisti autori dei brani.

La pecca maggiore della stagione è la stessa riscontrabile già in quella precedente, ovvero il numero di episodi rapportato alla storia. Tredici puntate da circa 50 minuti-con alcune che superano anche la durata di un’ora- risultano indubbiamente troppe per raccontare le vicende dell’indistruttibile afroamericano interpretato da Mike Colter. La lentezza dello svolgimento in qualche momento mette a dura prova l’attenzione dello spettatore, che si ritrova davanti alla presenza di non poche sottotrame che hanno l’unico scopo di allungare l’intreccio. A farne le spese è la velocità della narrazione, che viene ripetutamente rallentata da diversi espedienti di scarso interesse che si focalizzano su questo o l’altro comprimario. Tutto questo viene enfatizzato dall’eccessivo spazio riservato a dei personaggi che si rivelano meno interessanti del previsto e sembrano ormai aver poco da dire. L’esempio più lampante è quello della detective Misty Night, il cui ruolo sembra diventato troppo prevedibile e privo di fascino. Un discorso simile va fatto per Claire Temple, la compagna di Cage con il volto della brava Rosario Dawson, che dal suo debutto in Daredevil è andata progressivamente perdendo l’appeal che la contraddistingueva all’inizio (difatti pare che questa potrebbe essere la sua ultima apparizione in una produzione televisiva Marvel).

Ciò che invece appare ben congegnato è l’arrivo, verso metà della vicenda, di Iron Fist. L’entrata in scena del miliardario col Pugno d’acciaio porta una dose di vivacità in una fase in cui la trama sembra aggrovigliarsi e stentare a procedere. La comparsa di Danny Rand riporta un po’ di verve quanto mai necessaria; peccato che rimanga la sensazione di un’occasione almeno parzialmente sprecata, visto che la sua collaborazione con Power Man dura meno di quanto sia legittimo attendersi.

La seconda stagione di Luke Cage, pur compiendo degli evidenti passi in avanti rispetto alla prima serie, risente tanto delle quasi tredici ore di lunghezza totali. Essendo un difetto comune ad altri prodotti televisivi Marvel- la seconda stagione di Jessica Jones e la prima di Iron Fist, giusto per non fare nomi- sarebbe auspicabile in futuro vedere gli eroi del piccolo schermo in un formato più congeniale, magari prendendo spunto da The Defenders, la cui durata era di soli 8 episodi.

Iron Fist – Recensione

Dichiarato morto 15 anni prima, Danny Rand torna a New York, ma l’accoglienza è ben diversa da come se l’aspettava.

Diciamoci la verità, dalla descrizione che Netflix mette sul primo episodio della serie non si capisce molto di cosa si parli in questa serie, a meno che non siate degli appassionati. Avanti, leggimi!